giovedì 12 gennaio 2012

Il trucco c'è...e si vede!

Oggi sono stata dal dentista.
Dovevo fare la detartrasi.
Ora ditemi, che parola di merda è detartrasi? Sembra una patologia incurabile...
Ommioddio mi restano 6 mesi di vita, ho la detartrasi!
Il senso è quello.

Mi ha accompagnata mio fratello, siccome non potevo usufruire liberamente della mia macchina, visto che ormai dai miei non c'è più nulla di mio -  al massimo i libri (e manco tutti) - perché da quanto ho deciso di proseguire la mia vita a 100 e passa km, la mia stanza è diventata come dire? Comunitaria.
A tal punto che a luglio i miei mi hanno cambiato l'armadio: hanno buttato la vecchia cariatide di quando sono nata, quindi di 25 anni fa, e hanno preso uno spettacolare e modernissimo modello ikea il cui interno funzionale, comodo e spaziosissimo è tutto merito mio. Almeno quello! Visto che per 3/4 l'armadio contiene cose dei miei.
In effetti mi ero chiesta il motivo della fregola per cambiarlo...con qualche mese di ritardo ci sono arrivata, quando si dice essere svegli eh!

Ma torniamo alla detartrasi.
Brrr, mi viene l'ansia solo a pronunciare sto nome...
La nuova igienista dentale non la conoscevo (io vado nello stesso studio dentistico da quando ho 8 anni, ovvero da quando mia madre ha deciso che la mia dentizione all'epoca ancora decidua, doveva essere tenuta sempre sotto controllo; quindi capirete che le igieniste dentali le ho già conosciute praticamente tutte quelle che son passate da lì, una volta c'è stato anche un ragazzo... Bellissimo, mi aveva fatto un male cane durante una detartrasi, facendomi sanguinare manco mi avesse sgozzata con una sega circolare, ma io lo adoravo comunque...vabè questa è un'altra storia) quindi ci siamo presentate, quei cinque minuti di convenevoli e poi abbiamo iniziato la solita solfa.

A un certo punto, dopo avermi schizzato acqua in faccia manco fosse stata una megattera catapultata da un canadair in mare aperto, mi fa "oh scusami, cerco di asciugarti delicatamente" e mi passa uno straccetto sul mento. Ora, conoscendo il mio tartaro, e sapendo che tende ad essere piuttosto ostile con gli sconosciuti, ho pensato a qualche goccetta di sangue. Ma no trattavasi di banalissima acqua.
La guardo un po' dubbiosa e lei mi dice "eh sai, non voglio rovinarti il trucco" e io le rispondo di stare tranquilla. Lei prosegue, sempre ravanando col cosetto a ultrasuoni nella mia candida boccuccia, "sai quando vedo entrare una ragazza TANTO truccata mi prende male, perché non vorrei farla uscire a chiazze".

Ora, non è la sua legittima preoccupazione a scioccarmi, quanto il fatto che mi abbia definita tanto truccata.
Io che ho scoperto il make up a 22 anni suonati e che uso praticamente solo lo stretto indispensabile...questa mi ha definita tanto truccata per un po' di fondotinta, il mascara e il blush.
Cioèèèèèèèèèèèèèèèèèè, ma stiamo scherzandoooooooooooooo?
In giro si vedono certi troioni da circo che quando si struccano staccano direttamente tutto l'impianto e lo mettono nel suo lettino a riposare per l'indomani, e io sarei tanto truccata?
Ovviamente mi è presa la paranoia, quindi mi son guardata allo specchio e mi son chiesta lei che problemi di vista avesse... ho anche chiesto poi a mio fratello se secondo lui tendo a esagerare col trucco.
Tralascio la sua risposta che non è molto gradevole, va...
E il sunto è no, comunque.

Quindi, messaggio per l'igienista dentale:
 Ma bafanghulo va!

Ovviamente dopo la seduta il mio spirito revanchista mi ha condotta quasi in trance in profumeria, dove ho sbavato su mezza collezione di Chanel. Ma NON ho preso nulla. Perché non sono una pazza invasata.
Tiè.

5 commenti:

  1. ora mi chiedo se per caso la simpatica igienista avesse qualcosa in faccia o meno :|

    RispondiElimina
  2. Mi sono posta la stessa domanda! Lei era truccata o no??

    RispondiElimina
  3. Solo una righetta di matita nella rima dell'occhio...nulla di che... Ma non sembra una tipa che si "cura" molto diciamo... -.-"

    RispondiElimina
  4. Posso solo dire : ahahahahaha! :D e "a morte" la detartrasi :/

    RispondiElimina